mercoledì 18 febbraio 2015

Riguardo al dibattito a distanza sulle pagine del Corriere tra il giudice Andreucci e l'avv. Spinelli è opportuno fare chiarezza su alcuni punti.

La legge Scalfarotto altro non farebbe che integrare la legge Reale-Mancino, nata sulla base della Carta di New York del 1966 contro le discriminazioni. In Italia infatti già esiste da 40 anni la legge contro la quale manifestano le "sentinelle", e questa legge punisce atti o discorsi d'odio verso minoranze sulla base di elementi nazionali, razziali, etnici o religiosi. Recentemente è stata estesa, senza il minimo allarme di bavaglio da parte delle Sentinelle, anche al negazionismo dello sterminio nazista. Perciò quando la legge protegge i loro discorsi bigotti va bene, quando protegge gay e lesbiche dalla discriminazione quotidiana invece è liberticida. In pratica siamo discriminati anche dalla legge che punisce le discriminazioni, una odiosa discriminazione al quadrato!

Se i timori dell'avv. Spinelli fossero fondati, visto che la legge Reale-Mancino punisce già una serie di comportamenti discriminatori, perché le nostre patrie galere non sono piene di leghisti, di atei, di razzisti, di estremisti religiosi, di nazisti e fascisti che fieramente si associano e declamano il loro credo? Perché si può tranquillamente continuare a vendere, a leggere e a citare il "Mein Kampf" di Adolf Hitler se la repressione della legge Reale-Mancino è così aspra? Si tratta chiaramente di un allarme infondato, pretestuoso e funzionale alla più ampia strategia di una guerra alla modernità e alla libertà, cose che certi bigottoni proprio non possono accettare. Conducono, per colmo di indecenza, la loro guerra sulla pelle di tre milioni di persone omosessuali e transessuali in Italia, e dovrebbero vergognarsene.

Sul divieto costituzionale dell'articolo 29 riguardo alla "società naturale fondata sul matrimonio", la sentenza del 2010 della Corte costituzionale, che vale assai di più del parere di un avvocato di provincia, dice chiaramente che "con tale espressione ... si volle sottolineare che la famiglia contemplata dalla norma aveva dei diritti originari e preesistenti allo Stato". Non certo quindi naturale in senso biologico, ma nel senso di "spontanea". Inoltre "... è vero che i concetti di famiglia e di matrimonio non si possono ritenere 'cristallizzati' con riferimento all'epoca in cui la Costituzione entrò in vigore ... e, quindi, vanno interpretati tenendo conto ... dell'evoluzione della società e dei costumi."

Riguardo alla presunta "vaghezza" della definizione di omofobia, forse l'avvocato potrebbe chiedere lumi alla Corte di cassazione che in una recente sentenza ha condannato la pubblica amministrazione per "comportamento omofobico... intollerabilmente reiterato". Ma anche andando a intuito, se una persona viene aggredita a parole o fisicamente solo e precisamente in quanto gay o lesbica allora è omofobia, proprio come è successo nella recente vicenda del cuoco riminese costretto ad avere rapporti con una prostituta davanti a tutti i colleghi per dimostrare la sua 'virilità' sotto minaccia di licenziamento.

Come si vede perciò tutte queste piagnucolose lamentazioni sono ridicole e strumentali, anche considerando che leggi di questo tipo sono ormai presenti praticamente in tutto il resto d'Europa senza devastazioni sociali o limitazioni della libertà. L'Italia è riuscita a essere il fanalino di coda dei paesi europei anche in termini di civiltà, grazie anche agli sforzi di questi bigotti, moralisti da due soldi e meschini neo-medievali che vogliono tirare il freno a mano del progresso.

Dr. Marco Tonti, Ph.D.
Presidente Arcigay "Alan Turing" Rimini

--

Nessun commento:

Posta un commento