giovedì 8 novembre 2007

REGISTRO UNIONI CIVILI. BENE RAVENNA, ORA ANCHE A RIMINI

COMUNICATO STAMPA ARCIGAY RIMINI
giovedì 8 novembre 2007

REGISTRO UNIONI CIVILI. BENE RAVENNA, ORA ANCHE A RIMINI

Arcigay Rimini esprime soddisfazione per l'ottimo risultato raggiunto nel Comune di Ravenna dove il Consiglio ha approvato una mozione a favore dell'isituzione del registro delle coppie di fatto. Un grande passo di civiltà partito dala petizione popolare promossa dall'assemblea delle donne 'Usciamo dal silenzio' e firmata da oltre duemila cittadini. Una rete di donne, con cui Arcigay condivide e porta avanti molte battaglie comuni, che promuove la laicità delle istituzioni come strumento per l'autodeterminazione.


Ci auguriamo che presto anche nella nostra Provincia si riapra il dibattito sul riconoscimento di diritti alle coppie di fatto, dopo l'impegno del sindaco di Riccione Daniele Imola, la bocciatura del Registro nel 2006 e l'istituzione di un Osservatorio in gennaio di quest'anno. Osservatorio che non ha prodotto risultati degni di nota e a cui Arcigay non è stata chiamata a collaborare.

Crediamo sia giunto il momento di tornare a parlare di riconoscimento delle Unioni civili anche a Rimini, dove è stato approvato il 2 febbraio un ordine del giorno presentato da Fabio Pazzaglia che chiede all'Amministrazione di farsi promotrice affinché il Parlamento approvi la legge sulle unioni civili. Perdere anche quest'occasione corrisponderebbe a un arretramento tutto ideologico rispetto alla situazione attuale, in contrasto con la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea.

Alessandro Tosarelli
Presidente Comitato Provinciale Arcigay "A. Turing" di Rimini