venerdì 24 aprile 2015

Fwd: Anniversario della liberazione, ricordiamo i partigiani omosessuali e Alan Turing, il genio che contribuì alla liberazione di Rimini

Oggi commemoriamo l'anniversario della liberazione dell'Italia dal nazifascismo, una liberazione che è costata immensi sacrifici umani tra le fila partigiane. Quando si perde la libertà è difficilissimo riconquistarla, per questo ogni giorno le forze laiche e libertarie, alle quali ci ascriviamo, devono sorvegliarla, difenderla ed estenderla.

Decine di migliaia di omosessuali sono stati internati e perseguitati durante il nazifascismo, e anche in Italia migliaia vennero messi al confino. Anche nelle file della resistenza ci sono contati combattenti che poi, grazie alla conquistata libertà, hanno potuto esprimere la loro omosessualità come, facendo solo due nomi, lo scrittore cattolico Carlo Coccioli e l'intellettuale Aldo Braibanti, poi perseguitato dal moralismo di stato.

Arcigay Rimini commemora ogni giorno un eroe della liberazione, Alan Turing, cui è intitolata la nostra associazione fin dal 1994. Sostanzialmente grazie al lavoro di Turing è stata possibile la sconfitta del nazifascismo in Europa, e tracce storiche dimostrano che il suo lavoro ha permesso di individuare i punti deboli della Linea gotica permettendone lo sfondamento da parte degli Alleati e quindi la liberazione della nostra città.

Ricordiamo commossi tutte le partigiane e i partigiani morti e ringraziamo le persone che hanno rischiato la propria vita perché oggi potessimo vivere liberi; ci impegniamo a continuare la loro opera nel campo dei principi, della cultura e delle leggi. Oggi commemoriamo anche l'eroico e geniale Alan Turing, fondatore dell'informatica e martire dell'omofobia, per il suo contributo decisivo alla liberazione della città di Rimini e del resto d'Europa.

Marco Tonti
Presidente Arcigay "Alan Turing" Comitato provinciale di Rimini

--
Arcigay "Alan Turing" Comitato provinciale di Rimini
Associazione di Promozione Sociale
C.F. 91046230404

giovedì 23 aprile 2015

Grazie a Martina Colombari, favorevole a matrimoni e adozioni omosessuali. Ti invitiamo a manifestare con noi il 17 maggio a Rimini.

Durante una lezione a Rimini al corso di moda all'università, la riccionese Martina Colombari si è dichiarata favorevole a matrimoni e adozioni omosessuali e interruzione volontaria di gravidanza. Come riportato dal Resto del Carlino: «Credo, sono cattolica, ma su due punti non concordo con la Chiesa: l'atteggiamento verso gli omosessuali e l'aborto. La Chiesa dovrebbe essere più moderna. I matrimoni gay? Sono assolutamente favorevole, così come alle adozioni».

Martina Colombari non è solo una show-girl ma è anche fortemente impegnata nel sociale. Il riconoscimento delle famiglie omosessuali, la possibilità per loro di adottare e la difesa della libertà delle donne sul proprio corpo sono punti cardine delle battaglie per l'uguaglianza sociale e la dignità di ogni persona. Siamo molto felici che questi principi basilari di libertà siano difesi con orgoglio anche da persone famose come Martina perché sono principi costantemente sotto attacco da neo-medievali e persone che usano, diversamente da lei, la propria religione come arma di oppressione della libertà altrui.

Il potersi sposare è per le famiglie omosessuali una battaglia di dignità, perché la dignità scaturisce solo dall'uguaglianza. Alla vigilia della discussione parlamentare sulla legge per le unioni civili speriamo che siano sempre di più i personaggi pubblici che prenderanno posizione a favore della piena uguaglianza dei diritti, perché già si stanno attrezzando forze oscurantiste e becere con l'obiettivo di impedire la faticosa modernizzazione di questo Paese. Queste forze retrograde, contrastando fuori e dentro il parlamento il riconoscimento di affetti, tutele e dignità per omosessuali, transessuali e donne, conducono le proprie meschine battaglie ideologiche sulla pelle di milioni di persone, e dovrebbero vergognarsene.

Cara Martina, 17 maggio faremo un'allegra manifestazione a Rimini per la giornata internazionale contro l'omofobia. Sarebbe bellissimo se tu potessi essere con noi!

Marco Tonti
Presidente Arcigay "Alan Turing" Comitato provinciale di Rimini

--
Arcigay "Alan Turing" Comitato provinciale di Rimini
Associazione di Promozione Sociale
C.F. 91046230404

mercoledì 22 aprile 2015

Riccione: preoccupante colpo alla rappresentanza sociale e alla sussidiarietà delle associazioni

La decisione da parte del Comune di Riccione di sfrattare tutte le associazioni ospitate in spazi pubblici è molto preoccupante, perché rischia di decapitare la naturale espressione delle idee attraverso le associazioni culturali, e la sussidiarietà assistenziale delle associazioni di volontariato. Queste associazioni spesso impiegano risorse umane importanti rivolte alla cittadinanza, e il privarle di un punto d'appoggio mette a rischio proprio quelle attività orientate al benessere della popolazione.

Il comitato Arcigay per la provincia di Rimini è ospitato a Riccione dal 1994, e da oltre 20 anni è un punto di riferimento per il benessere di persone e famiglie omosessuali e un presidio di difesa delle libertà sociali e dei diritti di tutti. Vista la linea che ha fatto recentemente respingere in Consiglio comunale i registri delle unioni civili esteso alle famiglie omosessuali, non vorremmo che i nuovi criteri diventassero per noi di Arcigay "Alan Turing" un'arma di schermaglia politica coi comuni circostanti, una strumentalizzazione che sarebbe davvero indecorosa.

Anche se il metodo di sfrattare tutti indifferentemente ci pare decisamente autoritario e inappropriato e alimenta sospetti di strumentalizzazione politica, non si può non concordare sul fatto che le associazioni debbano compartecipare alle spese sostenute dall'amministrazione comunale. Ma è proprio perché spesso le associazioni come la nostra forniscono quell'assistenza e quella tutela che le istituzioni locali non effettuano, la quota di compartecipazione dovrebbe essere simbolica almeno per le associazioni di volontariato e di promozione sociale che sempre lottano con bilanci ridottissimi.


Marco Tonti

Presidente Arcigay "Alan Turing" comitato provinciale di Rimini


--
Arcigay "Alan Turing" Comitato provinciale di Rimini
Associazione di Promozione Sociale
C.F. 91046230404

mercoledì 15 aprile 2015

Registri unioni civili a San Clemente (RN): la Provincia di Rimini è sempre più gay friendly, diventerà la prima "Provincia arcobaleno" d'Italia?

È con grande soddisfazione che riceviamo la notizia che anche il Comune di San Clemente si è dotato del regolamento per i registri delle unioni civili. Si aggiunge così ai comuni di Rimini e di Santarcangelo che recentemente hanno adottato provvedimenti che vanno nella stessa direzione. Anche il Comune di Cattolica, com'è stato annunciato dal Vicesindaco Leo Cibelli durante l'incontro "Cittadella della legalità", si appresta a presentare una proposta di delibera in questo senso. 

I registri, che possono riconoscere solo diritti legati al comune di residenza, non sono solo un gesto simbolico. Al contrario sono un messaggio che incide positivamente e in modo concreto sulla vita di migliaia di persone e famiglie omosessuali della nostra provincia, famiglie senza riconoscimento che finalmente possono sentirsi parte benvoluta della comunità cittadina. Il messaggio è anche al Parlamento, che proprio in questi mesi discuterà una legge nazionale sulle unioni civili.

Chiediamo ai Sindaco Mirna Cecchini di garantire la possibilità a chi si iscrive ai registri di poter avere una cerimonia identica nei luoghi e nelle modalità a quella per il matrimonio civile, perché il riconoscimento è anche un fatto di dignità, di uguaglianza e di solennità.

Vorremmo anche anche gli altri comuni della provincia seguissero questi esempi per fare in modo che la provincia di Rimini diventi la provincia più positiva nei confronti di residenti e turisti Lesbiche Gay Bisessuali e Transessuali (LGBT), la prima "provincia arcobaleno" d'Italia.

Marco Tonti
Presidente Arcigay "Alan Turing" Provincia di Rimini

Le dichiarazioni del vicesindaco di Cattolica sono state riportate qui: http://igsnet.tumblr.com/post/114755916190/cattolica-rn-cittadella-della-legalita

--
Arcigay "Alan Turing" Rimini
Associazione di Promozione Sociale
C.F. 91046230404

mercoledì 1 aprile 2015

Rimini: con approvazione dei registri delle unioni civili importante il messaggio alla politica nazionale. Capitale del turismo e dei diritti?

Con l'approvazione a larga maggioranza di oggi del regolamento delle unioni civili in commissione, possiamo dire che il Comune di Rimini fa un passo importantissimo che è sia simbolico che politico. Simbolicamente mostra ai cittadine e cittadini che il Comune, la più "vicina" delle istituzioni, è inequivocabilmente dalla loro parte ed è consapevole dei loro bisogni e diritti.

Il messaggio è anche politico perché ribadisce che la legge Cirinnà sulle unioni civili in discussione al Senato deve essere difesa dai soliti attacchi beceri e strumentali, e che deve almeno (come i registri riminesi) riguardare "la casa, la sanità, le politiche giovanili e per gli anziani, lo sport, la formazione, i diritti e la partecipazione, i trasporti". Anche se questo elenco è ampio non bisogna dimenticare che la dignità scaturisce solo dall'uguaglianza, e perciò, pur con tutta la soddisfazione per l'approvazione dei registri, rimarchiamo che l'obiettivo finale è l'estensione completa dei matrimoni civili anche alle coppie omosessuali, come già avviene in molti paesi europei.

Crediamo che gli effetti sul turismo non mancheranno, perché Rimini oggi dimostra di essere consapevole che un clima accogliente ed egalitario è la base per richiamare un turismo di alto profilo, di simpatizzanti, di single e di famiglie omosessuali anche con figli. Suggeriamo quindi al Comune di continuare esplicitamente il suo impegno con campagne e attività a favore anche del turismo lesbico e gay, promuovendo con le strutture turistiche l'accoglienza delle loro famiglie. Arcigay Rimini offre la sua collaborazione per favorire questo percorso, perché Rimini sia la capitale del turismo e anche dei diritti.

Marco Tonti
Presidente Arcigay "Alan Turing" Rimini.

--