domenica 19 ottobre 2014

Incontri Arcigay Rimini


Dopo la pausa estiva, diamo il via ai nostri incontri Arcigay.
Da venerdi 24 Ottobre partiremo con gli appuntamenti del venerdì sera presso il "Centro Giovani RM25" in Corso D'Augusto n° 241, Rimini.

L'appuntamento è rivolto a tutti coloro che vogliono partecipare attivamente alla lotta contro la discriminazione degli omosessuali e transessuali o semplicemente esprimere la propria opinione.
L'ingresso è gratuito e non vi è l'obbligo di possedere tessera arcigay.

Sarà un occasione per conoscerci e scambiare due chiacchiere in compagnia..
Seguite la nostra pagina per restare aggiornati sugli eventi, saranno organizzati cineforum, pizzate, trekking, e tanto altro...

Vi aspettiamo venerdi!

martedì 14 ottobre 2014

Trekking: Camminando nella Biodiversità dell’Amore


Arcigay Alan Turing organizza una serie di escursioni per restare a contatto con l'ambiente.
Il primo appuntamento è il 26 Ottobre alle Balze con rientro in giornata.

Ritrovo ore 7.30 parcheggio di fronte alla gelateria Il Castello di Rimini e ore 8.00 parcheggio di Ponte Santa Maria Maddalena (sulla via Marecchiese).

Si raccomanda di portare con sé:
  • scarponi da trekking o scarpe da tennis molto sostenute
  • bastoncini da trekking se li si possiede
  • riserva d’acqua
  • pranzo al sacco
  • kway in caso di pioggia
  • abbigliamento adatto alla stagione e al luogo montano (copricapo, felpa o pile, etc )

La partecipazione è gratuita. Le spese di trasporto sono a carico dei partecipanti. L’evento potrebbe subire variazioni in base al tempo e all’organizzazione.

Per partecipare chiediamo di prenotare entro venerdì 24 ottobre comunicando l’adesione tramite via email a rimini@arcigay.it .

I prossimi appuntamenti saranno:

  • 25/01 Montebello
  • 22/02 Sant'Igne
  • 29/03 Carpegna
  • 26/04 Acquacheta

sabato 11 ottobre 2014

A Santa Giustina è "Festa Ad Tott "

"La Festa ad Tott"  si terrà in Santa Giustina di Rimini, presso Centro Giovani Rimini5 e Parco Rodari  nei gg. 10, 11, 12 e 13 ottobre,  è un momento di incontro e di festa per tutte le generazioni, per tutte le età e per tutti i popoli. E' iniziativa del Comune di Rimini, Assessorato alle Politiche Giovanili, che vede la collaborazione di moltissime fra associazioni e liberi cittadini.




Anche noi di Arcigay Rimini saremo presenti con un nostro banchetto , contenente materiale informativo e gadget, nella giornata di domenica dalle ore 15:00 in poi. Sarà un occasione per conoscere le nostre iniziative e le nostre idee. 

Ecco l'evento ..clicca qui


Vi aspettiamo numerosi!




Discriminazione in piedi

Il 5 ottobre le Sentinelle in piedi sono scese nelle piazze d’Italia per difendere la propria libertà di espressione nell’affermare che:

1) il matrimonio è solo tra un uomo e una donna
2) un figlio ha il diritto ad avere un padre e una madre
3) una famiglia è libera di educare i propri figli

In sostanza in nome della libertà di espressione è stato rivendicato il diritto di affermare l’omofobia e la discriminazione verso il diverso da sè. Nel 2014 (dopo Cristo) il diverso continua a fare paura, è il mostro che mina alla radice la famiglia, è il nemico da combattere e da distruggere, contro il quale muovere crociate o, più elegantemente, da emarginare, escludere, uccidere silenziosamente.
Per Arcigay Rimini il diritto a discriminare non è un diritto, così come non è un diritto per un assassino uccidere, per uno stupratore violentare, per un ladro rubare. Anche se non c’è una legge in Italia, l’omofobia rimane ingiustizia. Questi segni di discriminazione “civile” sono purtroppo i segnali del degrado culturale e dell’arretratezza della nostra (in) civiltà, perché ci sono persone che in nome della libertà di espressione e in difesa della tradizione discriminano il diverso, producendo concretamente violenza di pensiero, culturale. Non possiamo denunciare simili azioni perché non ci sono leggi che ci tutelano, ma possiamo esprimere chiaramente il nostro dissenso.
L’articolo 3 della Costituzione Italiana afferma che: “Compito della Repubblica è rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto l’uguaglianza e la libertà dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana”. Eppure oggi la coppia omosessuale in Italia non è riconosciuta. Se il nodo cruciale è il valore della famiglia guardiamoci un po’ intorno, in Europa ad esempio. In Spagna, Portogallo, Inghilterra etc. sono riconosciute unioni civili e adozioni e contemporaneamente la famiglia tradizionale non è morta, anzi, il valore della famiglia ha incluso l’altro, si è arricchito, ampliato, approfondito, evoluto. Nulla è stato tolto alla famiglia eterosessuale riconoscendo i diritti di quella omosessuale, anzi, la famiglia è più grande, semplicemente non si basa sull’esclusione del diverso, è maturata, è diventata famiglia che accoglie, nel senso più profondo del termine. Tutta questa paura del diverso ci riporta nel Medioevo, quando i gatti neri o le streghe erano il male da bruciare. E’ tanto difficile riuscire a guardare la persona omosessuale con uno sguardo d’amore che riesca a vedere la bellezza, la dignità, il miracolo di due persone che si amano a prescindere dal sesso, dal vestito che indossano, dal corpo che hanno? E’ tanto difficile non considerare il rapporto tra due persone partendo dai genitali (etero o omo) ma come affetto, sentimento, emozione, impegno, vocazione, volontà, rispetto, gioia, valore?
Alcuni considerano l’omosessualità contro natura, eppure esistiamo, la natura ci ha creati, siamo qui in carne e ossa, siamo suoi figli. Esistono in natura specie animali che praticano l’omosessualità (pinguini, scimmie), esistono piante che hanno entrambi i sessi nello stesso individuo. Questa è la natura reale. Forse dovremmo imparare a chiamare le cose con il proprio nome. L’unica natura contro cui l’omosessualità va è quella dell’ipocrisia, dell’arretratezza, dell’ignoranza, della discriminazione, forse perchè mostra, porta alla luce della coscienza i limiti e la ristrettezza del nostro sistema di valori. Il ritratto di Dorian Grey di Oscar Wilde descrive il classico esempio di chi non è cosciente della propria mostruosità e uccide l’altro, il quale in realtà altri non è che se stesso. Chiediamoci se il vero mostro è l’amore tra due persone dello stesso sesso o il non amore di tutti gli altri che negano la sua dignità di esistere e realizzarsi pienamente.
Sant’Agostino diceva: “Ama e fa quel che vuoi”. Purtroppo chi non ama spesso non lascia fare.


Elisa Nowkandi    

giovedì 9 ottobre 2014

Incontri gruppo Senior LGBT di Rimini



Dopo la pausa estiva , da sabato 18 Ottobre  torna il gruppo Senior LGBT di Rimini.

L'appuntamento sarà fisso ogni sabato sera dalle 21:00 alle 23:00 presso la sede dell'Auser di Rimini  in via Giuliano da Rimini n 8/A.

Per parlare, conoscerci, passare una serata in compagnia ed allegria. 

Aperto a tutti e tutte di qualsiasi età senza bisogno di tessere.

Se siete curiosi/e e avete voglia di parlare e conoscerci scriveteci a rimini@arcigay.it o chiamate al numero 347 5592301

ATTENZIONE! Gli incontri del gruppo seniors avranno luogo presso la sede dell'Auser di Rimini in via Giuliano da Rimini. 8/A.